Prestiti con cambiale: come avviene l’erogazione e qual è la modalità di rimborso

Indice dei contenuti

Oggi i prestiti sono una pratica molto comune per ottenere una data somma in denaro. Le motivazioni che spingono a farne domanda possono essere molteplici. Vuoi perché magari si desidera finalmente comprare la macchina dei propri sogni, forse è arrivato il momento di fare le valigie e partire per quella meta tanto ambita. Altre volte, invece, si necessita di denaro per rientrare di qualche debito di troppo.

Le soluzioni, attualmente, sono tantissime. Tutte, logicamente andranno ad adattarsi al meglio a quella che è la propria situazione economico-finanziaria. Sarà anche compito della finanziaria o della banca prescelta, eseguire una giusta consulenza per il cliente.

Detto questo, oggi nella nostra piccola guida, vorremmo introdurvi un argomento molto interessante. Ovvero la tipologia di prestiti a cambiale. L’obiettivo, è quello di scoprirne le caratteristiche e gli elementi principali che contraddistinguono questo da altri prestiti. Quindi, se siete curiosi di scoprirne qualcosina in più, non vi resta che proseguire nella lettura!

Prestiti? Ma quali scegliere? Finalizzati o Personali? Cosa cambia?

Prima di addentrarci nel fulcro centrale della nostra guida, ovvero quello dei prestiti a cambiale, bisognerà certo osservare in modo generale le due macro categorie di prestiti che attualmente risultano essere i più richiesti. Parliamo dei prestiti finalizzati e di quelli personali.

Prestito Finalizzato:

Il prestito finalizzato, come suggerisce la parola stessa, è specifico per l’acquisto di un bene o servizio che costituirà un vincolo effettivo della spesa della somma erogata. Un esempio molto comune, è quando ci affidiamo ad un esercente che vende un bene o servizio di nostro interesse. Una macchina, un elettrodomestico, persino un viaggio. L’esercente per l’appunto, si mobiliterà per una richiesta di finanziamento finalizzato mediante convenzioni con una finanziaria o banca. Sulla base delle forze economiche del richiedente, poi, saranno stabilite le condizioni ed il piano di ammortamento più consono.

Prestito Personale:

Venendo ad osservare, invece, il prestito di tipo personale, possiamo dire trattarsi di un prestito che non presenta alcun limite né vincolo su dove e come destinare la somma ottenuta da una banca o da un ente di credito. Per essere ancora più chiari, ottenuto un prestito personale, saremo liberi e totalmente autonomi nella scelta di acquisto. La banca, quindi, non chiederà quale sia la destinazione del denaro. Certo, questo è il più ambito. Tuttavia ottenerlo non è propriamente semplice. In quanto alle banche e alle finanziarie, occorrono garanzie ed una valida credibilità creditizia. 

Prestiti con cambiale? Come funziona? Ecco quello che devi sapere.

Abbiamo accennato nel paragrafo iniziale, che di prestiti ne esistono di molteplici. Quelli a cambiale sono pensati prevalentemente per quegli utenti che hanno riscontrato problematiche passate e che quindi, vengono considerati come protestati o cattivi pagatori. In queste condizioni, ottenere un prestito personale comune sarebbe a dir poco un’impresa. Ecco che la soluzione delle cambiali si rende una valida alternativa da prendere seriamente in considerazione. Ma perché le cambiali?

La cambiale, per chi non lo sapesse, è un titolo di credito, nonché titolo esecutivo a tutti gli effetti. Che dà pieno diritto alla finanziaria o all’ente di credito che concede il prestito, di danneggiare il richiedente se si incorre in adempienza o mancato pagamento delle rate mensili di rimborso. Si avvierà quindi un pignoramento dei beni del richiedente del prestito, così da reintegrare totalmente la somma concessa.

Come funziona l’erogazione del rimborso del prestito con cambiale?

A differenza di altri prestiti personali, perché ricordiamo che il prestito con cambiale è comunque rientrante nella grande categoria di prestiti personali, il pagamento delle rate mensili, verrà proprio eseguito mediante cambiale. Verrà quindi versata a cadenza regolare la somma pattuita nel piano di ammortamento alla finanziaria erogatrice. La somma viene riportata sulla cambiale ( tratta o pagherò) entro la scadenza stabilita. 

E se si riscontrano difficoltà nel versare le rate?

A volte potrebbe succedere di non riuscire a pagare in tempi stabiliti la rata mensile. Questo, con un prestito a cambiali, potrebbe essere un problema non cosi grave. In quanto previo accordo tra le parti, sarà possibile prorogare la data di scadenza di una o più cambiali. Ciò darà il tempo al beneficiario del prestito di pagare in tempi differenti. Tuttavia, la conseguenza sarà un allungamento della durata complessiva del piano di ammortamento, e la possibilità di una maggiorazione degli interessi. Se invece, le rate non verranno pagate, la finanziaria in questione provvederà al pignoramento dei beni.

Conclusioni.

Il prestito a cambiali, quindi, è prettamente pensato per gli utenti protestati e che hanno difficoltà ad ottenere un prestito comune. Per quanto possa sembrare vantaggioso per certi aspetti, tale prestito nasconde delle insidie non propriamente indifferenti. La cambiale, infatti, essendo un titolo di credito di tipo esecutivo, non ammette errori. Il rischio di un esproprio e di un pignoramento è sempre dietro l’angolo. Quindi prima di fare domanda, valutate bene se questo sia davvero l’unico modo per ottenere una certa liquidità sulla base della vostra condizione finanziaria.